Una libreria, un’isola, un sogno, un vulcano.

2966726731_200047be92
Stromboli su Flickr

E’ da giorni che che mi ronza per la testa la storia di una libreria, un’isola, un sogno e un vulcano. E’ che mi è tornato in mente il bell’articolo di Concita De Gregorio pubblicato tempo fa sulla Repubblica delle Donne e che narrava di Chiara la libraia e del suo sogno fattosi realtà sotto l’ombra ingombante di Iddu, il vulcano.

Qui sotto l’articolo della De Gregorio. Ditemi voi se non è una storia bellissima.

“In fondo alla strada, ma proprio in fondo dove i turisti del trekking che vengono a passeggiare sul vulcano non arrivano mai. In fondo alla discesa che quando la vedi lasci perdere perché t’immagini il ritorno in salita sotto quel sole, meglio tagliare a destra per il mare. Ecco, laggiù in fondo c’è la libreria. È piccola piccola, poco più di trenta metri quadrati. È tutta verticale, con una scala di legno chiaro che porta al piano di sopra, lungo i gradini qualche bel libro in lingua originale, un po’ di teatro in inglese, un po’ di filosofia in tedesco, qualche romanzo in spagnolo, in francese e certo in russo. La storia della libreria di Stromboli (che si chiama “La libreria sull’isola” e bisogna andarla a cercare fuori dalle rotte delle gite di un giorno, appunto, bisogna camminare in salita e poi in discesa verso l’antico borgo di Piscità, quello dove viveva Ingrid Bergman nel film) è la storia di Chiara, la libraia, ed è una storia che va bene per tutti, anche per chi fino a quel rettangolo di gelsi e libri non arriverà mai perché parla di passione e di costanza, di illusioni che diventano realtà, parla del fatto che a volerlo ma volerlo davvero quel che di bello si riesce a immaginare alla fine si realizza. Magari tardi, magari poco, magari diverso dal previsto, ma si realizza. Chiara è una ragazza di quarant’anni con un’aria da adolescente magra, lunghi capelli, pelle scura di sole. A Prato, la sua città, era dipendente comunale. Un posto sicuro, tutto il tempo per occuparsi del resto. Quattordici anni fa è partita. “Ho sempre pensato che il mio posto fosse tra i libri. Mi è successo di conoscere una persona che mi ha portato qui. Non c’era niente, quasi niente. Ho detto: ecco, farò la mia libreria”. In questo pezzo di terra nero dove il vulcano ogni quindici minuti tuona, dove le macchine non esistono. Chiara parte ogni primavera con il suo furgoncino, va in continente, lo riempie di due o tremila libri, torna col traghetto e fino a ottobre sta in negozio. Lei da sola perché soldi per pagare dipendenti non ne ha. I titoli sono quelli che piacciono a lei. Fuori, sotto il tavolino del giardinetto d’ingresso, una gatta allatta i cuccioli. I clienti si fermano a parlare fino a tardi. Lei non lo dice, se glielo chiedi sorride e fa sì con la testa ma anche Napolitano e sua moglie Clio, quando si fermano all’isola, vanno a vedere che cosa ha portato Chiara quest’anno. Ogni sera, a luglio e agosto, nel giardino accanto ai gatti c’è il cineforum. Cinquanta sedie pieghevoli, tre o quattro sdraio da spiaggia nei laterali. Qualcuno arriva con la sedia da casa. “All’inizio mettevo i film in cassetta alla tv. Poi piano piano sono venuti lo schermo, il proiettore”. Stromboli è in cartellone tutte le settimane perché vederlo qui, sotto il profilo di “Iddu” – Lui, la sua ombra i suoi fuochi – fa un’altra impressione. Molto cinema italiano, la domenica un programma per bambini: ci vengono da soli, tornano a casa da soli. “No, con la libreria non ci guadagno. Sono tredici anni che vado avanti, però, e se dovessi lasciare credo che sarei nelle condizioni, ormai, di lasciarla nelle mani di qualcun altro. Qualcuno dell’isola, certo. Non guadagno perché la stagione è breve, però non ci rimetto. Non posso far sconti sui libri ma gli isolani lo capiscono e vengono lo stesso: è un servizio, un modo per fare due parole, un contatto che si stabilisce. È molto gratificante, davvero. Attraverso l’internet point ho stabilito relazioni, a volte mute, con persone che per mesi sono venute qui tutti i giorni: gente che arriva a studiare, a scrivere, entrano e ci diciamo buonasera, prego, certo, ecco. Quando ripartono mi sembra di conoscerli come se avessimo vissuto nella stessa casa. Questa è una terra arida, ogni cosa che fiorisce è un miracolo e non sai mai quanto possa durare. C’è il vulcano a ricordarti che tutto è effimero, tutto può sparire in un minuto. Ma d’altra parte è così per tutti, nella vita. Anche senza isole né vulcani, perciò vede, non è niente di eccezionale: è solo che qui si capisce meglio”.

La Libreria sull’Isola ha molti titoli sulle isole, un cinema all’aperto e un internet point. Chiara aveva un sogno che adesso è realtà. Io ho voglia di andarla a trovare sull’isola.

Taccuino

La Libreria sull’Isola
Via Vittorio Emanuele III (lungo la strada «alta» che unisce le due chiese di San Vincenzo e San Bartolo)
Stromboli

Tel. 090.98.65.755

Annunci

3 thoughts on “Una libreria, un’isola, un sogno, un vulcano.

  1. Pingback: Una libreria, un’isola, un sogno, un vulcano. | 24 Blog News

  2. stupendo il tuo viaggio, non mollare spero tanto , un giorno , dii sdermi su quelle sedie per respirare il tuo angolo di paradiso, ciao carlo rimini

  3. Splendido posto con un’ottima scelta di libri, ma qualche sorriso in piu’ da parte di Chiara non guasterebbe! E magari anche un grazie e un buonasera ogni tanto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...